Via ferrata del Monte Procinto

Via ferrata del monte Procinto

Obiettivi

Il Monte Procinto (1177 mt) costituisce una delle più caratteristiche strutture rocciose delle Alpi Apuane: un torrione squadrato alto circa 150 metri, strapiombante su tutti i lati, che dà origine ad una singolare cengia boscosa (la Cintura) che gira tutt’attorno al torrione; sulla cima si trova un caratteristico boschetto detto Giardino. Si ritiene che il monte sia stato salito per la prima volta da alcuni boscaioli locali nel 1848 ,la ferrata fu attrezzata nel 1893 a cura della sezione fiorentina del CAI.
La via è facile e non presenta passaggi tecnici di particolare impegno,tuttavia alcuni punti sono particolarmente esposti. L’itinerario sale in maniera abbastanza diretta, superando un dislivello di circa 150 metri interamente attrezzati.
Tutta l’attrezzatura tecnica è fornita dall’organizzazione ed è inclusa nella tariffa, sia quella comune che quella personale (caschetto, imbracatura, kit da ferrata). Prima dell’attività sarà nostra cura informarci sulle taglie dei partecipanti..

 


Programma

Ritrovo a Seravezza intorno alle 8.00 del mattino e spostamento a Stazzema con mezzi propri.
Da Stazzema, in circa un’ora si raggiunge il Rifugio Forte dei Marmi, da qui ancora 20 minuti per l’attacco della ferrata. La ferrata richiede circa 3 ore fra salita e discesa lungo la stessa via. Ancora 1 ora e 30 minuti per il rientro al parcheggio.
Rientro a Camaiore nel pomeriggio.
 
 

 


Equipaggiamento

È richiesto il seguente equipaggiamento: Guanti, Giacca a vento, Borraccia, Zaino, Kit da ferrata comprendente iimbrago, casco e longe


Numero minimo:

4 persone


Info varie

La quota di iscrizione comprende: assistenza della guida, utilizzo del materiale in comune.
La quota di iscrizione non comprende: viaggio, vitto, alloggio, spese della guida (da dividere per il numero di partecipanti).