Alpinismo

Obiettivi

Il corso prevede 4 uscite, concentrate in due weekend, di difficoltà crescente per impegno sia fisico che tecnico. Si partirà dalla tecnica di cramponage (uso di ramponi e piccozza su terreno facile) per poi proseguire fino alla tecnica di arrampicata su ghiaccio più ripido. Impareremo anche le basilari tecniche di sicurezza relative all'ambiente invernale (per esempio l'autoarresto, gli ancoraggi specifici da neve e ghiaccio, rischi legati a neve e valanghe ecc.).
L'obiettivo è di far comprendere ai partecipanti cosa significa andare in montagna in inverno in sicurezza in un'ottica di autonomia della cordata.

 


Programma

18/01/2020
  • Ritrovo al mattino presto in località da definirsi in base alla provenienza dei partecipanti. Ci dirigeremo poi verso il Lago Santo (gruppo Giovo-Rondinaio) Dopo verifica del materiale e dell'attrezzatura salita al Monte Rondinaio. Ci concentreremo sul cramponage e l'uso della piccozza su terreno facile, prove di autoarresto, cenni sugli ancoraggi specifici (fittoni da neve, corpi morti, viti da ghiaccio ecc).
    Eventuale cena e pernottamento presso struttura in loco (rifugio o albergo) oppure rientro in serata.

 

19/01/2020
  • Monte Giovo (itinerario da decidere in base alle condizioni): ripresa dei temi del giorno precedente, manovre di corda, progressione della cordata in diversi assetti (conserva e tiri di corda ecc). Cenni sulla prevenzione del rischio valanghe e la gestione delle emergenze. Rientro in serata.

 

25/01/2020
  • Ritrovo al mattino presto in località da definirsi in base alla provenienza dei partecipanti. Alpi Apuane, Pania della Croce o Pania Secca (itinerario da decidere in base alle condizioni): progressione su terreno più ripido e su ghiaccio, cenni e sperimentazione delle diverse tecniche (uso frontale dei ramponi, uso evoluto della/e piccozza/e ecc,), progressione della cordata, ripresa prevenzione rischio valanghe.
    Eventuale cena e pernottamento presso struttura in loco (rifugio o albergo) oppure rientro in serata.
 
26/01/2020
  • Pizzo delle Saette, Pania della Croce o Pania Secca (itinerario da decidere in base alle condizioni): affinamento delle tecniche di progressione, approfondimento dei temi relativi alla sicurezza su neve e valanghe.
    Rientro in serata

 

 


Equipaggiamento

È richiesto il seguente equipaggiamento: Zaino minimo 40 litri, Due Bastoncini telescopici da trekking, Scarponi da alpinismo (ramponabili o semi-ramponabili), Piccozze, Ramponi, Imbracatura, Pila frontale, con batteria carica e una di ricambio duracel, Casco, Borraccia termica da 1.5 litri, Crema per il sole e per le labbra, Calze leggere e calze da sci o trekking, possibilmente 1 paio per il cambio, Completo intimo maglietta-calzamaglia per favorire la sudorazione, Un cambio maglietta della pelle, Maglia tipo dolcevita in pile leggero, pantaloni in pile o materiale tecnico da alpinismo., Giacca a vento impermeabile, Piumino, Guanti in pile leggeri e 1 paio di guanti da sci pesanti, Ghette per scarponi, Cappello in pile e cappello da sole, Occhiali da sole, Passamontagna o Maschera in neoprene per difendersi dal freddo al viso., Completo impermeabile giacca-pantaloni tipo goretex, Barrette o frutta secca per il pranzo, Aspirina, Aulin, cerotti, Tessera C.A.I. (se posseduta)


Numero minimo:

2 persone


Info varie

La quota di iscrizione comprende: assistenza della guida, utilizzo del materiale in comune.
La quota di iscrizione non comprende: viaggio, vitto, alloggio, spese della guida (da dividere per il numero di partecipanti).

L’iscrizione sarà effettiva solamente dopo il pagamento di un acconto di 50,00 €.

Il termine ultimo per l’iscrizione ed il pagamento dell’acconto è il 223/112/2019.