In seguito allo svilluppo della tecnica di progressione detta “piolet traction” che prevede che lo scalatore affronti la parete “faccia a monte” e che si innalzi piantando alternativamente una delle due piccozze impugnate ed infiggendo nel ghiaccio le punte frontali dei ramponi ed al conseguente sviluppo di sempre migliori materiali per la progressione e l’assicurazione l’alpinista si è avventurato su goulotte in alta montagna e cascate di ghiaccio a quote più bassa. Sarò ben felice di farvi provare questa disciplina o accompagnarvi su cascate più impegnative.